"Hail Mary" di 2pac tra i Canti di Natale della Chiesa

Nel periodo di Natale, non sono solo i cori della Chiesa a cantare. In diversi parti del mondo, tra cui gli Stati Uniti, organizzano veri e propri festival in cui i presenti si riuniscono in canti collettivi coordinati dai “Christmas Carol Books” (degli opuscoli con scritti i testi delle canzoni, un po' come quelli che mettono in Chiesa per seguire la messa). In effetti anche questi raduni hanno un chiaro sfondo religioso, ma quest'anno un errore piuttosto inspiegabile di un editor ha regalato un bello strappo alla tradizione. Tra un “Tu scendi dalle stelle” e un “Astro del ciel”, infatti, è stato inserito nel libretto consegnato dal più grande servizio di “Christmas caroling" americano all'Arcidiocesi di Colombo (Sri Lanka) il testo di “Hail Mary”, scritta, interpretata e registrata (il tutto nell'arco di 30 minuti) da 2Pac.

Per quanti di voi abbiano preferito la mezz'oretta di predica del prete, durante la Messa di Natale, alle 3 ore di predica della nonna sull'importanza di andare in Chiesa durante il Pranzone, ecco le immagini del testo di Pac sull'opuscolo...
 



 

In effetti Pac cita (più o meno) un verso di Giovanni nelle barre iniziali della canzone: "And God said he should send his one begotten son / To lead the wild into the ways of the man". 
Francesco